Restauro Vespa 50 R ’66

pubblicato in: Restauri "Vespa" | 0

La sigla R sta per RINNOVATA. vespa50r

La Vespa 50 R è una evoluzione della N (Nuova, prima Vespa 50 in assoluto) e della L (Lusso) dalle quali eredita alcune peculiari caratteristiche.

Le sigle telaio vanno dal V5A1T-700001 al V5A1T-938761. E’ stata prodotta dal 1969 al 1983 in 238762 esemplari.

E’ stato senz’altro, assieme alla Special, uno dei “vespini” di maggior successo anche se non ha goduto dello stesso fascino della sorellina Special appunto. Ciò è dovuto soprattutto al fatto che la R portava con sé il retaggio stilistico della Vespa classica a faro tondo prodotta fino ad allora, che nulla poteva contro l’innovazione e la controtendenza del freschissimo faro quadro Special (oltre al fatto che ha avuto per tutta la produzione 3 marce contro le 4 della Special).

Questa vespa è stata prodotta in due serie differenti:

Prima serie: dal 69 al 70 ha cerchi chiusi, ammortizzatore anteriore di tipo non idraulico, priva del bordofaro, fregio sul parafango anteriore, strisce pedana in gomma, scritta anteriore in corsivo obliqua, leva rubinetto in alluminio e motore con sigla V5A1M, come per i modelli precedenti griglia del coprivolano a V e bobina interna ; dal 1971 il motore diventa V5A2M sempre con bobina interna, i cerchi diventano aperti da 9” con tamburo a stellina.

Seconda serie: dal 72 al 74 ha scritte anteriori in orizzontale, nuove manopole e leve; dal 74 al 78 cambiano scritte, numeri di serie e stampo del copri volano oltre al serbatoio che non ha più i fori per il fissaggio della sella monoposto dal 1975 il motore sempre V5A2M non ha più la bobina interna ; dal 78 all’83 cambia la sezione del pedale del freno ed il relativo gommino.


Caratteristiche tecniche:

motore: 1 cilindro inclinato 45° 2 tempi

– alesaggio e corsa: mm 38X43=cc 49

– potenza: 1,5 CV a 4500 giri

– distribuzione: a luci incrociate comandata dal pistone

– aspirazione : controllata da distributore rotante ricavato da un volano dell’ albero motore

– alimentazione: miscela al 2%

– accensione: a volano magnete

– carburatore: Dell’Orto SHB16/12

– cambio: 3 marce per tutta la produzione

– pneumatici: 2,75X9

– peso: 67 Kg

– velocità: 40 Km/h

– anticipo accensione : 19° +_ 1°

– consumo: 1 L / 70Km

– autonomia: 364 Km

– candela: Marelli CW 7N , Bosch W225 T1, AC 430 F, Lodge HN, NGK B6HS, Champion L86

La sella in dotazione era il gobbino, ma tra gli accessori a disposizione vi era la sella lunga, oltre che parabrezza, specchio retrovisore e gancio porta buste.

La Vespa 50 R ha avuto negli anni ben 14 diverse colorazioni.

Curiosità

Esiste ungrosso dibattito su un adesivo riportante una R attaccato sul retro del telaio, appena sotto la sella. In realtà gli esemplari che riportano questo adesivo in quanto conservati sono rarissimi e non era regola fissa che fosse applicato a tutti gli esemplari prodotti.

Il motore V5A2M della Vespa R era leggermente più potente delle serie precedenti N e L per compensare al minore gap della ruota da 9” rispetto a quella da 10” montata ad esempio sotto le Special. Spesso viene confusa con un’altra Vespa (Revival) molto simile alla R ma che in realtà si chiamava Special Revival e fu prodotta dalla Piaggio in edizione limitata di soli 3000 esemplari nel 1991.


 


Gli ultimi Restauri!

Rispondi