Restauro Vespa PX 150 ’79

pubblicato in: Restauri "Vespa" | 0

Vespa PX: la storia del mitico “Vespone”

La Vespa PX fu presentata ufficialmente il 19 ottobre 1977 al Salone di VespaPX125_05Milano, dove fu esposto anche il modello gigante da oltre 4 metri di altezza. Piaggio presentò questo modello come la ‘Nuova Linea’ della Vespa, composta dalle versioni P125X, P150X e P200E, rispettivamente equipaggiate con i motori 125 da 7 CV, 150 da 9 CV e 200 da 12 CV, in abbinamento al cambio manuale a 4 marce. Il lancio sul mercato avvenne nel 1978 e fu accompagnato dallo spot con lo slogan “New Line”. Tuttavia, la Vespa PX è da sempre riconosciuta come il classico ‘Vespone’.

Il prezzo base fu fissato in 675.000 lire e la lista degli optional comprendeva anche gli indicatori di direzione e l’accensione elettronica. Quest’ultima, assieme alla ruota di scorta posizionata sul lato sinistro, faceva parte della dotazione di serie della versione P200E che si poneva al top di gamma. In seguito, la gamma fu allargata anche alle versioni P80X e P100X, destinate unicamente al mercato estero

 

Dimensione e Pesi:

  • Ingombri: (lungh.×largh.×alt.) 1760 × 695 × 1110 mm
  • Altezze Sella: 800 mm – Pedane: 225 mm
  • Interasse: 1235 mm Massa a vuoto: 98 kg Serbatoio: 8 l

Meccanica:

  • Tipo motore: monocilindrico orizzontale a 2 tempi Raffreddamento: ad aria forzata
  • Cilindrata 150 cm³ (Alesaggio 57,8 x Corsa 57 mm)
  • Distribuzione: albero motore facente funzione di distributore rotante e tre travasi Alimentazione: carburatore Dell’Orto SI 20/20 D (Dell’Orto SI 24/24 E); miscela al 2% (miscelatore optional per la 200)
  • Potenza: 7.9 cv (5.8 kW) / 6000 giri/min Coppia: Rapporto di compressione: 8,2:1
  • Frizione: multidisco Cambio: 4 marce in blocco con innesti a crociera scorrevole, comando a manopola
  • Accensione a volano magnetico
  • Trasmissione primaria a ingranaggi elicoidali; secondaria tramite gli ingranaggi del cambio
  • Avviamento a pedivella

Ciclistica:

  • Telaio scocca portante in lamiera stampata
  • Sospensioni Anteriore: forcella monobraccio a levetta oscillante e ammortizzatore teleidraulico / Posteriore: motore oscillante e ammortizzatore teleidraulico a molla biconica
  • Freni Anteriore: a tamburo, diametro 125 mm / Posteriore: a tamburo, diametro 125 mm
  • Pneumatici anteriore e posteriore 3.50-10″

Prestazioni dichiarate:

  • Velocità massima: 93 km/h
  • Accelerazione: 400 metri da fermo in 21 secondi s
  • Consumo medio: 27 km/l

 

 


 

 


Gli ultimi Restauri!

Rispondi